Grand Hotel

Centro congressi & centro culturale a Dobbiaco

Nella seconda metà del 18esimo secolo fu costruita la linea ferroviaria da Lienz a Fortezza, che portò il turismo in Alta Pusteria. Nel 1878 con l’inaugurazione del Grand Hotel Dobbiaco divenne meta di ospiti illustri e nobili, soprattutto in estate.

Durante la prima guerra mondiale il Grand Hotel subì pochi danni e divenne per questo un ospedale militare. Dopo la guerra l’Hotel, ormai in pessime condizione, attirò nuovi turisti a Dobbiaco. Nel 1934 il Grand Hotel fu messo all’asta e cambiò diversi proprietari.

Nel 1991 la Provincia Autonoma dell’Alto Adige lo restaurò trasformandolo nell’odierno Centro Congressi e Centro Culturale Grand Hotel. Oggi il Grand Hotel è strutturato con: un centro congressi e culturale tra i più moderni, un ostello per la gioventù, una caffetteria, il Centro Visite dei Parchi Naturali, la Scuola di Musica, il Servizio Giovani, un Centro di Formazione, appartamenti sociali e una Casa per ferie della Curia. Fiore all'occhiello del complesso è la "sala auditorium Gustav Mahler", in funzione dal 1999 con 460 posti ed un’ ottima acustica.
Kulturzentrum Grand Hotel
Grand Hotel
Il Grand Hotel ospita un centro culturale in un ambiente storico. Fiore all'occhiello del complesso è la "Sala Auditorium Gustav Mahler", in funzione dal 1999 con 460 posti ed una buona acustica, nella quale si tengono numerosi concerti, un auditorium per 150 persone, oltre a svariate conferenze e un parco.